Mario Balotelli, che sfogo!

Giu 25 • FlashNessun commento su Mario Balotelli, che sfogo!

Sono passate poche ore dalla fine del mondiale azzurro, ed ecco arrivare lo sfogo, atteso, di Mario Balotelli

Dell’eliminazione dell’Italia dal mondiale brasiliano abbiamo già parlato, ma a fare rumore, insieme alle dimissioni di Prandelli e Abete, è certamente il maxi sfogo dell’attaccante italiano Mario Balotelli, avvenuto, come spesso accade di questi tempi, attraverso un social network.
Il campione (?) del Milan e della nazionale, Mario Balotelli, ha postato un messaggio dal suo profilo Instagram, per rispondere a tutte le critiche piovutegli addosso dopo l’eliminazione dal mondiale della spedizione azzurra.

Sono Mario Balotelli, ho 23 anni e non ho scelto di essere italiano

Scrive su Instagram, pubblicando il video di un follower che lo accusava di non essere italiano.

L’ho voluto fortemente perché sono nato in ITALIA e ho sempre vissuto in ITALIA. Ci tenevo fortemente a questo mondiale e sono triste arrabbiato deluso con me stesso. Sì, magari potevo fare gol con la Costa Rica, avete ragione, ma poi? Poi qual è il problema? Forse quello che vorreste dire tutti è questo?
La colpa non la faccio scaricare a me solo questa volta. Perché Mario Balotelli ha dato tutto per la Nazionale e non ha sbagliato niente (a livello caratteriale). Perché Mario Balotelli ha la coscienza a posto ed è pronto ad andare avanti più forte di prima e con la testa alta. Fiero di aver dato tutto per il Suo paese

… O forse, prosegue:

come dite voi non sono Italiano: «Gli africani non scaricherebbero mai un loro “fratello”. Mai. In questo noi negri, come ci chiamate voi, siamo anni luce avanti. Vergogna non è chi può sbagliare un gol o correre di meno o di più. Vergognose sono queste cose. Italiani veri! Vero?

Gli viene in soccorso anche l’AD del Milan e vice presidente Lega Calcio, Adriano Galliani, che si meraviglia di tutto questo trambusto e si chiede perché tutti i commenti siano rivolti a lui, visto che non è l’unico giocatore dell’Italia.

Non ho capito perché si critichi solo Balotelli, che è l’unico attaccante che ha fatto un gol e abbia creato occasioni da gol, mentre gli altri non hanno neanche creato le premesse

Così Adriano Galliani al termine del match tra Italia e Uruguay.

Ed effettivamente, non si può certo dare la colpa solo al povero Mario, che pur non essendone esente, non può essere il solo capro espiatorio della misera e fallimentare spedizione azzurra.

Licenza Creative Commons

Related Posts

« »