Come smettere di comprare cose di cui non abbiamo bisogno

Mar 17 • EconomiaNessun commento su Come smettere di comprare cose di cui non abbiamo bisogno

Maniaci dello shopping compulsivo? Ecco alcuni consigli per affrontare e  risolvere il problema

Saldi o no, fare shopping è un’attività gratificante e che ci spinge spesso, troppo spesso, ad acquistare oggetti inutili. Certo, togliersi una soddisfazione ogni tanto è cosa buona e giusta, ma purtroppo questo piccolo sfizio può diventare per molte persone un problema enorme, un problema capace di sommergere intere case (letteralmente parlando!). È innegabile come la nostra società sia influenzata e fortemente spinta al consumo. Siamo continuamente bombardati da nuovi prodotti, messaggi, pubblicità con l’unico obiettivo di spingerci ad acquistare: nessuna minima valutazione di utilità e spesso di costo, l’importante è sempre e solo comprare.

Colori, sconti, product placement, persino la disposizione degli scaffali è studiata a tavolino per spingere il cliente all’acquisto (Ikea e Autogrill docet). Ma come difendersi da tutto ciò e riuscire ad evitare acquisti affrettati e inutili? Scopriamolo insieme

LEGGI ANCHE: Cosa fare con i soldi del tuo primo stipendio

Fare una lista di ciò che già possiedi

sepolti

Può sembrarti estremo come passo, forse esagerato, ma è senza dubbio il miglior esercizio per cominciare a comprare responsabilmente. Innanzitutto ti sarà chiaro cosa già possiedi, evitando di conseguenza di spendere per eventuali “doppioni” e soprattutto sarà propedeutico a comprendere la differente importanza degli oggetti. Ma sono necessari o è stato solo un capriccio? Li uso o sono sempre qui, inutilizzati? Domande semplici nella loro chiarezza, fondamentali ad individuare tutta quella “spazzatura” che deve sparire da casa nostra e soprattutto non rientraci più (capito?!?).

Vedere i soldi spesi nello shopping

scontrino

Ti ricordi la lista di prima? Bene, non buttarla… ci serve ancora. Adesso prova a dare un prezzo a tutti gli oggetti “inutili” catalogati, uno dopo l’altro. Se anche siete dei compratori oculati sono certo che l’ammontare finale sarà di diverse migliaia di Euro, una cifra probabilmente incredibile rispetto allo stipendio che percepisci. No, questa non vuole essere una punizione per farti ricordare tutto il denaro che hai buttato, ma un modo per comprendere che ogni oggetto, anche il più inutile, ha un costo. La prossima volta che ti trovi davanti ad una vetrina pensaci…

Valutare quante cose immateriali ti rendano felice

famiglia

Può sembrare filosofica come affermazione, ma ciò che dà realmente felicità nella vita non può essere comprato. Famiglia, soddisfazioni, amore, persino una giornata di sole…. a voler ben vedere sono queste le cose per cui vale la pena ogni mattina alzarsi ed affrontare il mondo. Sì, a volte come abbiamo detto anche uno sfizio porta gioia, ma quanto dura?

Al prossimo impulso irrefrenabile di shopping ricordati di cosa ti rende davvero felice.

Passare del tempo lontano dagli oggetti materiali

campeggio

Si riallaccia al punto precedente. Ogni tanto provare a vivere lontano dalla nostra società caotica e consumista permette di avere una giusta visione sulle vere priorità della vita. Prenditi del tempo e vai in campeggio qualche giorno, ti sarà più facile ricordare tutto ciò che rende la tua esistenza speciale e degna di essere vissuta. La vita non è solo gadget…

LEGGI ANCHE: Non solo aumenti di salario: ecco come far felici i dipendenti

Creare una lista di domande pre-acquisto

shopping 2

È necessario? Lo userò? Non ne ho già uno? Ecco alcune domande che potrebbero aiutare a placare la tua sete di shopping. Creare una personale lista a cui rispondere prima di “strisciare la carta” è un ottimo deterrente, capace di placare la sete momentanea di acquisto e capire la reale necessità di un oggetto. Un solo, piccolo, inconveniente… necessità di onestà perché funzioni. Sei certo di riuscirci?

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »