Xiaomi e Alibaba alla conquista dei wearable payments

Apr 8 • TecnologiaNessun commento su Xiaomi e Alibaba alla conquista dei wearable payments

Cosa succede se i colossi cinesi Xiaomi e Alibaba si accordano per per il lancio di wearable payments alla conquista dei mercati mondiali

Il leader cinese degli smartphone Xiaomi ha segnato un altro importante colpo con l’accordo con Alibaba, leader in Cina nelle piattaforme di pagamento e compravendita online.

Il piano prevede il lancio dei dispositivi wearable payments in Cina, rendendo disponibile il servizio di pagamento Alipay sui Mi Band di Xiaomi.

L”importante sinergia sancita dalla partnership rappresenta una vera e propria dichiarazione d’intenti dei due colossi in grande crescita che, una volta conquistata la Cina, sono pronti a espandersi negli altri mercati.

LEGGI ANCHE: Cos’è Xiaomi

Cos’è Alibaba

Alibaba è leader in Cina e nel campo del commercio elettronico, delle piattaforme di pagamento e compravendita, dei motori di ricerca per lo shopping e dei servizi per il cloud computing. Per capire la portata dell’accordo con Xiaomi basta guardare le cifre di Alibaba che ha una valutazione che oscilla tra i 55 e 120 miliardi di dollari, con un volume di vendite di oltre 170 miliardi di dollari, cifre che eBay e Amazon non riescono a raggiungere nemmeno combinando i loro dati.

Il fatturato dell’azienda è in continua crescita (+54%) con un utile netto di circa 494 milioni di dollari e un titolo che è in continuo rialzo grazie al boom dell’e-commerce e dei dispositivi mobili.  Oltre che in Cina, l’azienda sta conoscendo un grande espansione anche in Russia, Europa ed Africa.
La funzione principale di Alibaba.com  è quella di connettere produttori con distributori e acquirenti a livello internazionale,  unendo store online di grande successo come Tmall.com e Taobao con servizi come Ali express che permette di vendere al dettaglio anche a compratori stranieri.

Alipay e Xiaomi oltre i confini

Rendere disponibile Alipay, come digital wallet sui Mi Band significa per Xiaomi disporre di una potenziale clientela dai numeri davvero impressionanti.

Secondo gli analisti di settore Alipay supera i 700 milioni di utenti registrati e, benché non ci sia una specificazione su quanti di questi utenti siano attivi, contende la leadership a PayPal.

Alipay fornisce un servizio di acconto di garanzia che permette una funzione di controllo per gli utenti che fanno acquisti online, potendo così verificare i prodotti prima di pagare i venditori. In un Paese come la Cina che conosce poche tutele per i consumatori questo rappresenta un enorme vantaggio, soprattutto se si considera che Alipay è l’unico servizio di questo genere nel Paese.

I wearable payments

Il servizio che collegherà AliPay e Mi Band sarà ovviamente reso disponibile innanzitutto sulla versione di Alipay Wallet per Android e successivamente verrà rilasciato anche per IOS.

La partnership rappresenta la concretizzazione dei pagamenti mobile in Cina che faciliterà i sistemi elettronici non richiedendo ogni volta una password per poter completare l’operazione.

L’obiettivo è quello di competere con Apple Pay senza basare il proprio sistema sulla tecnologia NFC ma superando quelle che possono essere le sue falle di sicurezza.

Il binomio cinese mette in forte discussione anche le strategie dell’azienda di Cupertino in Cina, dove era già pronto il lancio di Apple Pay.

In attesa di conoscere le reali strategie della “mela morsicata”, è indiscutibile che l’accordo con Alibaba e le annunciate strategie commerciali di Xiaomi sul mercato americano rendono i prossimi mesi ancor più interessanti.

LEGGI ANCHE: Xiaomi conquista il mercato cinese degli smartphone

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »