I 5 videogiochi più visti su Twitch

Nov 19 • TecnologiaNessun commento su I 5 videogiochi più visti su Twitch

Videogiochi, Twitch

Multiplaying e battleroyal, “parole d’ordine” che risuonano forti appena effettuiamo il nostro log in e leggiamo quali sono attualmente i 5 videogiochi più visti su Twitch.

Se anche tu, come me, segui il canale di game live streaming sai bene di cosa sto parlando. Altrimenti, continua a leggere e cerchiamo di capirci qualcosa!

Cos’è Twitch

Twitch è una piattaforma web di live streaming, di proprietà di Amazon.com, che trasmette principalmente contenuti di carattere video ludico.

Lo streamer, ovvero l’utente che oltre a visualizzare i contenuti ne genera di propri, trasmette (in gergo “streamma”), da solo o in compagnia di altri giocatori (e talvolta accompagnato “in game” da altri “streamer”), intere sessioni di partite ai suoi videogiochi preferiti, o a quelli che più attirano la community.

La piattaforma dona particolare attenzione anche a eventi e talk show in diretta, ed è in prima battuta il principale promotore e divulgatore degli e-sports, ovvero quella categoria di videogiochi a livello competitivo organizzato e professionistico, che tocca i suoi punti di maggior successo nelle dirette dei campionati mondiali tenuti dai vari brand di giochi.

Tutto sotto l’amorevole ala protettiva del broadcasting di Twitch.

Quali sono i giochi più visti

Dunque, dato questo panorama, non c’è da stupirsi che, attualmente, tra i 5 giochi più visti su Twitch, ben 4 provengono dal mondo degli e-sport.

Ma soprattutto notiamo come questi 5 titoli rientrano tutti nella categoria MMO (Massive-Multiplayer Online), ad indicare il forte potere di aggregazione che esercitano sui videogiocatori.

Fortnite, un’adrenalinica Battleroyal

Campeggia in prima posizione Fortnite, uno sparatutto in terza persona sviluppato dalle case Epic Games e People Can Fly.

Il titolo vanta due modalità di gioco:

  • Salva Il Mondo, a pagamento, che consente di creare una propria base nel puro stile sandbox e difenderla dagli attacchi di orde di zombie, magari insieme ad altri giocatori;
  • Battaglia Reale, gratuito, in cui  fino a 100 giocatori vengono letteralmente paracadutati in una mappa pre-generata che si restringe col passare dei minuti di gioco, e dove trionferà solo l’ultimo player, sopravvissuto a sparatorie, agguati e, ovviamente, al pericoloso restringimento della mappa.

Quest’ultima modalità ha consacrato Fortnite al successo planetario, e vanta, nel totale degli utenti che trasmettono i suoi contenuti, una media di 149.120 visualizzazioni al secondo!

League of Legends, il primo tra i M.O.B.A

Al secondo posto, botte, botte, e ancora botte! LoL (abbreviazione con cui è comunemente conosciuto), è il cavallo di battaglia della casa di sviluppo Riot Games.

In questo  M.O.B.A (Multiplayer Online Battle Arena), due squadre si affrontano a colpi di spade, pistole o magie in un’arena chiusa, cercando di conquistare più obiettivi possibili rispetto agli avversari, destreggiandosi in reciproche uccisioni e potenziamenti più disparati, al fine di arrivare al “Nexus”, il nucleo della base avversaria.

Ogni anno i campionati mondiali di LoL sono tra gli eventi più seguiti sulla piattaforma viola, senza dimenticare che il gioco in sè vanta una media di 130.070 views al secondo.

Warframe, futuro, distopia e arte

L’unica voce fuori dal coro, il titolo sviluppato da Digital Extremes è invece puramente un cooperativo incentrato su una storia molto ben curata e vissuta tra gioco e intermezzi quasi cinematografici.

È un Free MMORPG (wow, andiamoci piano con queste sigle: l’acronimo sta per gioco di ruolo multigiocatore massivo online gratuito) dall’alta componente action, in terza persona, e dalla accuratissima personalizzazione dei Warframe, una sorta di robot alieni con poteri sovrannaturali.

Seppur presenti piccole sessioni in cui è possibile usare il proprio Warframe per combattere in duello “amichevole” un altro giocatore, Warframe resta un cooperativo a 4 giocatori che, dopo aver colorato, agghindato e potenziato per bene la propria arma,  si calano negli ambienti futuristici dei pianeti del nostro sistema solare e dare tanti schiaffi ai cattivi di turno.

Circa 70.262 sono le visualizzazioni al secondo che questo ottimo titolo regala a Twitch.

Dota 2, ancora M.O.B.A.

Lasciamoci alle spalle il mondo di amichevoli robottoni (e giocatori) per rientrare nell’arida terra dei moba, “forgiata dal fuoco di mille battaglie” (cit.).
Dota 2, sviluppato da Valve Corporation, è anche esso un M.O.B.A. del tutto simile a League of Legends nelle dinamiche.
Combattutissima la sfida tra le due agguerritissime fan base, che combattono a colpi di “qual è migliore dell’altro”.
La logica è sempre la stessa: un’arena, due squadre, obiettivi da conquistare, il primo team che riesce vince.
Al momento, con le sue 69.402 views al secondo, Dota 2 è in netto svantaggio rispetto a LoL, ma la Valve è una casa di sviluppo videogiochi che sa fare il proprio mestiere: è ancora tutto da vedere.

Counter-Strike: Global Offensive. Il primo degli fps

Dicendo che Counter-Strike vede contrapposti terroristi e anti-terroristi cosa ci aspettiamo? Di certo nell’arena di gioco non avverrà nessun banchetto del ringraziamento!

Sparatutto tattico in prima persona sviluppato da Valve Corporation e Hidden PAth Entertainment, CS pone due squadre l’una contro l’altra, mentre ogni membro dei rispettivi team imbraccia l’arsenale di armi che più ritiene “competitivo” al fine di vincere la partita.

Partita che, a seconda delle varie modalità di gioco, termina quando vengono raggiunti tutti gli obiettivi, o quando le squadre vengono decimate per intero, in un sistema “a round”.

Sono ben 47.009 le views che Counter-Strike realizza su Twitch in media ogni secondo, senza contare tutti gli eventi organizzati su scala mondiale e dedicati ad esso.

In conclusione

È bene specificare che la battaglia per il dominio in questa “top 5“ non è mai definitiva: i giochi di maggior tendenza oscillano continuamente nel rapporto trasmissioni/visualizzazioni, e ogni anno nuovi titoli si affacciano sul panorama video ludico mondiale.

Alcuni destinati al dimenticatoio, altri alla gloria eterna o momentanea, ma pur sempre ben monitorati dai numeri di Twitch.

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »