Europa League, sei squadre in piena corsa. Chi la spunterà?

Mag 9 • SportNessun commento su Europa League, sei squadre in piena corsa. Chi la spunterà?

Europa LeagueA 180 minuti dalla chiusura della massima serie italiana Inter, Torino, Parma, Milan, Hellas Verona e Lazio lottano per due posti in Europa League

Chiuso il capitolo scudetto stravinto dalla Juventus dei record e quello Champions League, con Roma e Napoli che hanno già ritirato il rispettivo pass, la Serie A vede ancora aperto il discorso Europa League con ben sei squadre pronte a contendersi gli ultimi due posti utili. A 180 minuti dalla chiusura sipario solo la Fiorentina è già infatti sicura dell’accesso dopo aver raggiunto la finale di Coppa Italia.

logo-inter-calcioInter

Un punto nelle ultime due gare contro Napoli e Milan per Mazzarri che vede prospettarsi  un arduo finale di stagione. La scalata all’Europa League sembrava cosa già fatta ma i neroazzurri pagano il prezzo di chi canta vittoria prima del tempo.  Dopo le decisive prestazioni di Parma e Genova Palacio e Icardi sembrano aver smarrito la strada che porta al goal che ormai manca da più di due gare.
L’ex tecnico del Napoli ha abituato le sue squadre a dare il massimo sotto pressione ed è per questo che gli ultimi incontri potrebbero rivelare delle belle sorprese.  Già con la Lazio in casa si potrebbe archiviare definitivamente la qualificazione senza aspettare la non semplice trasferta del Bentegodi con il Chievo Verona, invischiato nella bagarre salvezza.

Corsa Europa League

logo-torino-calcioTorino

Anche l’altra metà di Torino è pronta a festeggiare un clamoroso quanto meritato ritorno in Europa, che manca dalla stagione ‘93/’94. Pochi giorni dopo aver ricordato la strage di Superga, Ventura vuole centrare l’obiettivo in queste ultime due giornate. Cerci e compagni sono pronti a confermare un trend positivo in un finale di fuoco. I granata saranno artefici del loro destino sfidando domenica il Parma all’Olimpico e disputando gli ultimi 90 minuti a Firenze. Ventura potrà fare affidamento su una squadra galvanizzata dalle ultime prestazioni e su un incontenibile Ciro Immobile sempre più capocannoniere  della Serie A con ben 21 goal all’attivo.

Milan

Dall’alto del Duomo di Milano la Madonnina ha sorriso ai rossoneri che, vincendo il derby, si riprendono il primato nella stracittadina e la possibilità di ottenere un posto in Europa. Il lavoro di Seedorf  riporta in auge un obiettivo che sembrava potesse essere solo un miraggio qualche mese fa. Di tutt’altro avviso i segnali che arrivano dalla sede di via Turati: si sussura che la dirigenza sia già alla ricerca di un nuovo trainer. Ai fini della qualificazione il Milan oltre a vincere le ultime gare con l’Atalanta e il Sassuolo avrà bisogno anche di uno o più risultati favorevoli dai rispettivi concorrenti.

Parma

Il sogno Europa per la società ducale è a un passo nell’anno in cui si celebra il centenario. Grande è l’attesa per il match di domenica pomeriggio con il Torino. Donadoni affiderà ancora una volta le redini del gioco al talento di Bari vecchia, Antonio Cassano, autore di una straordinaria stagione che potrà valergli un posto per i prossimi mondiali. Nell’ultimo turno, i gialloblu saranno invece attesi dall’attuale fanalino di coda, il Livorno, che in caso di matematica retrocessione o meno potrebbe risultare un ostacolo insidioso per gli obiettivi ducali.

Lazio

Come il Parma anche la Lazio dovrà affrontare un match clou nella penultima giornata.  Affronterà prima l’Inter, per poi aspettare all’Olimpico il Bologna che, come il Livorno, è in lotta per non retrocedere e la gara potrebbe rivelarsi un impegno più ostico del previsto per Candreva e compagni.

logo-hellas-verona-calcioVerona

La squadra di Mandorlini, dopo una stagione a dir poco esaltante e non priva di sorprese, può davvero sognare l’approdo alla prossima Europa League. Il calendario sorride alla società scaligera: la penultima al Bentegodi contro un’Udinese già salva  e la trasferta al San Paolo con un Napoli fresco vincitore della Coppa Italia sono impegni non proibitivi per l’Hellas. Mandorlini può fare affidamento sull’intramontabile Luca Toni che con le sue 19 reti cercherà di strappare il titolo di capocannoniere a Ciro Immobile proprio nelle ultime due partite del campionato.

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »