Serie A, la griglia di partenza del campionato – Pole Scudetto

Ago 30 • SportNessun commento su Serie A, la griglia di partenza del campionato – Pole Scudetto

Serie A: chi sarà la vera anti-juve nella prossima stagione?


La prima giornata di campionato ha rivelato sorprese e conferme per i club più quotati alla conquista del titolo. Accomunate dallo stesso obiettivo motivi diversi spingono Juventus, Napoli, Milan e Fiorentina. Analizziamoli nell’ultimo totoclassifica della Serie A :

JUVENTUS:juventus Affamata, implacabile, inarrestabile e senza limiti? Da qualche mese ci si domanda se la pancia piena appagherà i bianconeri di Conte che quest’anno puntano la conquista del terzo scudetto di fila, quello che garantirebbe la terza stella cucita sul petto. La finale di Supercoppa Italiana non ha destato dubbi: la favorita rimane sempre lei, la vecchia signora. Il rischio di una rivoluzione in panchina ha turbato non poco i tifosi juventini ormai affezionati più che mai alla grinta di Antonio Conte, l’uomo della rinascita. Quest’anno però l’occhio dei tifosi comincia a cadere su quella coppa dalle grandi orecchie che manca a Torino dal lontano 1996. Il livello europeo sembra essersi stabilizzato dopo un’involuzione del Barcellona, anche se le tedesche del Bayern Monaco e del Borussia Dortumnd sembrano esser le favorite. Che sia l’anno buono?.

MERCATO VOTO 7,5: L’acquisto di Ogbonna consolida una difesa che sembra non avere punti deboli ma ci si aspettava il vero colpo di mercato, la prima punta che nel modulo di Conte avrebbe assicurato goal a bizzeffe in questo campionato. Invece l’occasione Tevez a 9 milioni ha convinto di più la società che i tifosi bianconeri. Lorente, un po’ anonimo nel precampionato, con Vucinic favoritogli nella prima di campionato, non sembra esser l’uomo giusto agli occhi di Conte per il momento. Mal gestite le uscite con un reparto attaccanti pieno che rischia di creare qualche scontento nello spogliatoio.

PROBABILE FORMAZIONE: 3-5-2

Buffon, Chiellini, Barzagli, Bonucci, Lichsteiner, Pirlo, Vidal, Pogba, Asamoah, Vucinic, Tevez

NAPOLI:Napoli_logo_sport-pages Un’autentica rivoluzione dove il protagonista indiscusso è stato Paperon De Laurentiis. La cessione di Edinson Cavani al PSG per 64 milioni e un altro tesoretto di pari valore hanno garantito un’estate di ricchi investimenti per la società partenopea. Rafa Benitez sembra abbia fatto già dimenticare l’ex Mazzarri regalando un entusiasmo che preannuncia solo una gran fame di vittorie. Il nuovo modulo 4-2-3-1 piace, regala sicurezza in difesa e intensità in fase offensiva. Il tricolore manca sul petto azzurro dal 1990. Allora c’era  un certo Diego Armando Maradona che trascinava un gruppo. Oggi invece sembra che sia il gruppo a trascinare il singolo, che sia il talento di Frattamaggiore Lorenzo Insigne detto “il Magnifico”?.

MERCATO VOTO 8,5: Con Marek Hamsik legato fino al 2018 De Laurentiis ha messo la ciliegina sulla torta di un mercato che l’ha incoronato come il vero re. Non era semplice sostituire 4 titolarissimi dell’era Mazzarri ma gli innesti di Reina,  Albiol, Callejon e Hugiain sembrano amalgamarsi perfettamente nella rosa azzurra. Senza dimenticare che per il tecnico spagnolo saranno fondamentali i ricambi di qualità per avere una rosa di 22 titolari.  Non a caso in panchina brillano i nomi di Mertens, ex Psv, Rafael, ex Santos e Zapata, ex Estudiantes.

PROBABILE FORMAZIONE: 4-2-3-1

Reina, Maggio, Albiol, Britos, Zuniga, Behrami, Inler, Callejon, Hamsik, Insigne, Higuain

MILAN:ac-milan-logo Con la Champions League assicurata ai danni del PSV, surclassato a San Siro per 3-0, cambia radicalmente di prospettiva la stagione rossonera. Con Massimiliano Allegri confermato si sperava continuasse il finale di stagione che ha assicurato il 3 posto ma proprio alla prima di campionato c’è stato il passo falso che non ti aspetti. La sconfitta subita con il Verona va presa senza farne una tragedia anche perché sottolinea quelli che sono i difetti di una squadra che l’anno precedente dopo 10 giornate si trovò in piena zona retrocessione. Se hai uno come Balotelli, che in campo vale per 3, non puoi non aspirare al titolo ed è quello che si augurano tutti i tifosi, compreso Allegri che in tema dribla tutte le domande.

MERCATO VOTO 6: Squadra che vince non si cambia, ma il Milan cosa ha vinto? Sono anni ormai, Balotelli a parte, che la società di via Turati preferisce una campagna acquisti mirata più alla contrattazione con  i giocatori che con le società, uscendone inevitabilmente sconfitta dalla concorrenza, vedi Tevez che è finito alla Juventus o Ljiacic prossimo alla firma con la Roma. Nonostante un mercato privo di colpi clamorosi va elogiata la scelta di investire sui giovani Vedi El Shaarawy o i neo acquisti Poli e Saponara.

PROBABILE FORMAZIONE: 4-3-3

Abbiati, Abate, Zapata, Mexes, De Sciglio, Montolivo, Poli, Nocerino, El Shaarawy, Boateng, Balotelli

FIORENTINA:
fiorentina-logo Insieme al Napoli è l’altra regina del mercato che ha fatto infiammare i cuori dei tifosi e non. L’arrivo di Mario Gomez dal Bayern Monaco e la rinascita di Pepito Rossi, già in goal alla prima di campionato, sono il biglietto da visita che farà tremate i polsi agli avversari. Con Vincenzo Montella confermato i bookmakers confidano che la squadra dei Della Valle sia la vera outsider per lo scudetto. Probabilmente il più bel gioco espresso della scorsa stagione, sicuramente confermerà ciò che già si è visto e in molti si augurano di veder scoppiare qualche nuovo talento come accadde con Lijacic l’anno scorso. Un gruppo solido che convince tifosi e addetti ai lavori, una Fiorentina così mancava da parecchio.

MERCATO VOTO 8:   I Della Valle il vero mercato l’anno fatto in uscita con Jovetic che è volato oltremanica alla corte del Manchester City di Pellegrini riuscendo nello sgambetto alla Juventus, eterna rivale, e vendendo Lijacic alla Roma, beffando il Milan, poco simpatica alla società toscana dopo la mancata qualificazione in Champions. Tra gli acquisti eccellenti figurano Gomez, Joaquin e Ilicic. Neto non ha sfigurato con il Catania ma Montella gradirebbe tra i pali una vera garanzia. Chissà che non esca fuori in questi ultimi giorni il jolly per il tecnico napoletano.

PROBABILE FORMAZIONE: 3-5-2

Neto, Roncaglia, Savic, Rodriguez, Cuadrado, Pizarro, Aquilani, Borja Valero, Pasqual, Rossi, Gomez

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »