Mondiali, stasera Brasile-Olanda. E’ la “finalina” tra le grandi deluse

Lug 11 • SportNessun commento su Mondiali, stasera Brasile-Olanda. E’ la “finalina” tra le grandi deluse

Brasile-Olanda

A Brasilia la “finalina” tra Brasile e Olanda. Scolari e Van Gaal danno spazio alle riserve.

Brasile 2014 sta per giungere al termine. Dopo poco più di un mese in cui ci hanno fatto compagnia, anche i grandi campioni delle Nazionali che si sono dimostrate più forti stanno per salutare il paese sudamericano prima di partire per le vacanze. Prima delle ferie, però, ci sono i verdetti da emanare: tra oggi e domani, infatti, si disputeranno le due finali del Campionato del Mondo. Nella serata di domani toccherà a Germania e Argentina disputarsi la coppa, mentre questa sera andrà in scena la sfida tra le grandi deluse, Brasile e Olanda.

Entrambe sono reduci da due cocenti eliminazioni. In particolar modo il Brasile, praticamente annientato in semifinale dalla spietata Germania di Loew con quel 7-1 entrato nella storia. L’Olanda, invece, continuerà a rimandare l’appuntamento mondiale a causa dell’eliminazione per mano dell’Argentina, uscita vincitrice ai calci di rigore dopo una partita oggettivamente bruttina e grazie ad un Romero “formato Mundial”.

A Brasilia il clima sugli spalti non sarà tra i più caldi del torneo. Dopo il disastro del Mineirao i tifosi della Seleçao non si sono affatto ripresi, anzi sanno molto bene che per rialzarsi ora ci vorrà molta fatica. In tanti hanno sottolineato l’assenza forzata di Neymar colpevolizzando in maniera indiretta l’intervento scomposto del colombiano Zuniga nella partita dei quarti. Ancor più gente, però, ha puntato il dito contro la scarsa personalità degli uomini di Scolari, considerato meno colpevole dei giocatori che hanno sofferto troppo la pressione mediatica oltre che la mancanza dei loro leader, Neymar e Thiago Silva.

Ora spazio alle riserve

Sia Brasile che Olanda, domani sera, daranno spazio ai giocatori che finora hanno giocato di meno. Come spesso capita ai mondiali, infatti, la cosiddetta “finale di consolazione” non rappresenta più alcuno stimolo per i calciatori che si sono giocati fino alla fine l’opportunità di partecipare all’ultimo atto della competizione. Al contrario, la finalina diventa una sorta di vetrina per le cosiddette riserve che cercano di mostrarsi al mondo (anche in ottica di calciomercato).

Potrebbe essere questo il caso dell’olandese Huntelaar, a cui Van Gaal ha sempre preferito Van Persie lasciandogli spesso le briciole dei match (alcune briciole il bomber dello Schalke le ha anche raccolte, vedi gli ultimi minuti degli ottavi contro il Messico in cui entrò e risultò decisivo con un assist e un gol). Contro il Brasile Huntelaar giocherà dal primo minuto, supportato da Sneijder ma non da Robben. Al posto del fuoriclasse del Bayern ci sarà Lens.

Scolari, sempre privo di Neymar, recupera Thiago Silva, il capitano che non è potuto affondare con la sua nave (causa squalifica) e che cercherà di far rialzare la testa ai suoi compagni partendo dalle retrovie. Al suo fianco sarà risparmiato David Luiz, considerato il peggiore dei peggiori contro la Germania, mentre giocheranno Henrique del Napoli e Maxwell del Psg. A centrocampo spazio per l’interista Hernanes, mentre in attacco è severamente vietato l’impiego di Fred che per i brasiliani è stato quello che Balotelli è stato per i veterani dell’Italia: una sorta di caprio espiatorio. Al suo posto giocherà Jo.

Entrambi i tecnici non cambieranno i moduli usati finora:

Brasile (4-2-3-1): Julio Cesar; Dani Alves, Thiago Silva, Henrique, Maxwell; Paulinho, Hernanes; Hulk, Ramires, Willian; Jo. Ct: Scolari.

Olanda (3-4-1-2): Vorm; Veltman, Vlaar, Kongolo; Verhaegh, Clasie, Fer, Blind; Sneijder; Huntelaar, Lens. Ct: Van Gaal.

L’arbitro dell’incontro sarà l’algerino Djamel Haimoudi, che sarà il primo direttore di gara della Caf (la federazione degli arbitri africani) ad arbitrare una finale per il terzo e quarto posto ai Mondiali. Haimoudi, tra l’altro, ha già arbitrato l’Olanda in questo torneo, nella partita conclusiva del girone vinta a fatica dagli Orange contro l’Australia (3-2).

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »