Ubriacarsi senza postumi? Si può fare. Lo dice la scienza

Mar 25 • SaluteNessun commento su Ubriacarsi senza postumi? Si può fare. Lo dice la scienza

Ti stai pentendo ancora del bicchiere di troppo che ti sei concesso ieri sera? Non disperare, ci pensa la scienza

Ti sei lasciato convincere di nuovo dai tuoi amici con il classico “Su dai andiamoci a prendere una birra! Una sola che ti fa?” e ti sei risvegliato in una camera di albergo a Bangkok con Alan di “Una Notte da Leoni”?

Bene, ora devi affrontare i postumi, un fortissimo mal di testa, ricordi annebbiati, e svariate chiamate senza risposta di tua madre o, peggio ancora, della tua fidanzata/moglie.

È a questo punto che comincerai a pentirti di esserti lasciato andare, e a promettere di non farlo mai più (e mentre lo dici stai già pensando al prossimo weekend).

E se ti dicessi che non hai più motivo di preoccuparti?

LEGGI ANCHE: Ecco perché sei così stressato

I ricercatori della University of Illinois hanno sviluppato un tipo di lievito che è “jailbreaking”, ovvero che può aiutare proprio a ridurre i famosi postumi della sbornia.

Cosa’hanno scoperto?

La scoperta di questo lievito ha lasciato gli scienziati di stucco, perché grazie ad esso è possibile produrre vini, birre o altre bevande alcoliche con sapori più particolari e soprattutto più sani.

Noi cancelliamo un gene, poi un altro, fino a che il sapore è andato, e sappiamo che abbiamo isolato il gene responsabile di quella caratteristica.

Queste le parole del caporicercatore Yong-Su Jin. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Applied and Environmental Microbiology.

Come può diminuire gli effetti della sbornia?

Una volta scoperto questo lievito, gli scienziati lo hanno studiato e hanno capito che se utilizzato in un certo modo, è possibile creare un enzima per aiutare quella che viene chiamata “fermentazione maloattica”, un processo chimico che rende il vino leggero.

I forti mal di testa tipici dei postumi alcolici sono causati proprio dalla fermentazione maloattica, che non va come previsto e crea degli effetti collaterali. Ma una volta sintetizzato l’enzima questo problema potrà essere risolto definitivamente.

LEGGI ANCHE: Cosa mangiare e cosa evitare quando sei malato

Quindi su i bicchieri e giù i pensieri, ma sempre con moderazione!

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »