Costa Concordia: la rotazione è andata a buon fine

Set 17 • FlashNessun commento su Costa Concordia: la rotazione è andata a buon fine

Dopo 19 ore la Costa Concordia finalmente ritorna in asse e le sirene del porto riprendono a suonare.



Un’operazione maestosa, mai sperimentata prima. 19 ore di lavoro intenso e delicato per riportare in asse la Costa Concordia, arenatasi circa due anni fa contro uno scoglio nei pressi dell’Isola del Giglio.

A monitorare la procedura di rotazione la Protezione Civile, che ha annunciato alle 4 di questa mattina la conclusione dell’operazione, avvenuta fortunatamente senza sversamenti di carburante e sostanze tossiche in mare.

Queste le parole di Franco Gabrielli, Capo della Protezione Civile:

La rotazione della Costa Concordia è conclusa. La nave è ora appoggiata sulla piattaforma. Abbiamo segnato un punto decisivo per l’allontanamento della nave dal Giglio

Anche se i pareri sono positivi, resta ancora da compiere la delicata fase dello spostamento della Costa Concordia. La fiancata della nave che è stata, fino a questa mattina, sommersa risulta gravemente danneggiata. Prima di effettuare il trasferimento, quindi, sarà necessario compiere dei lavori di ristrutturazione.

Lo scenario che tutti speravano non si avverasse è stato fortunatamente sventato: nessun danno ambientale, solo alcuni resti da raccogliere.

L’azienda Costa Crociere ha dichiarato la propria soddisfazione attraverso le parole del responsabile del progetto, Franco Porcellacchia:

Penso che meglio di così non potesse andare

Ringraziamenti e ovazioni per l'”eroe” Nick Sloane, direttore delle operazioni, che ha ringraziato le persone che lo hanno accolto con entusiasmo e ha saluto tutti esprimendo il desiderio di andare a bere un birra per rilassarsi e poi andare a dormire. 

Dopo tanti mesi, finalmente le sirene del porto hanno ripreso a suonare, nella speranza di non doversi mai più fermare per tragedie come quella della Costa Concordia.


Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »