Ascanio Celestini inaugura Effetto Museo. Parte la rassegna a Villa Pignatelli

Nov 13 • EventiNessun commento su Ascanio Celestini inaugura Effetto Museo. Parte la rassegna a Villa Pignatelli

Inizia venerdì 15 novembre la rassegna “Effetto Museo”. In apertura lo spettacolo di Ascanio Celestini


Itinerari museali tra teatro, musica e immagine. Ecco Effetto Museo, rassegna interdisciplinare che, da venerdì 15 novembre 2013 a domenica 12 gennaio 2014, ospita a Villa Pignatelli, al Museo di Capodimonte e a Villa Floridiana spettacoli, concerti, reading, performing art, fotografia, video-arte, workshop e momenti di approfondimento legati tra loro dall’incontro di varie discipline artistiche.

Tre magnifiche strutture del Polo museale di Napoli accoglieranno dunque per due mesi le esibizioni di Ascanio Celestini, Giovanni Lindo Ferretti, Marlene Kuntz, Stefano Benni, Brenda Lodigiani, Francesco Taskayali.

E ancora, spettacoli teatrali per bambini tratti da Collodi, Carroll, Barrie, Esopo, Fedro e La Fontaine nei parchi del Polo Museale a cura de I Teatrini, visite guidate con performance artistiche, attività didattiche, laboratori sull’immagine e lo spettacolo itinerante “Guardate! racconti fotografici”, regia di Raffaele Di Florio, con Raffaele Ausiello, Giuseppe Cerrone, Antonello Cossia, Paolo Cresta e musica dal vivo di Riccardo Veno.

Effetto Museo ha l’obiettivo di animare e rilanciare spazi museali della città attraverso l’interazione di differenti esperienze artistiche, in linea con le esigenze del MiBACT. Il progetto è organizzato e promosso dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio storico, artistico, etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli, con il sostegno dell’Assessorato al Turismo e Beni Culturali della Regione Campania, il patrocinio del Comune di Napoli, la direzione artistica di Pino Miraglia e l’organizzazione della Cooperativa Le Nuvole.

La musica, il teatro, la spettacolarizzazione itinerante e la fotografia sono i linguaggi che la rassegna utilizza per avvicinare gli spettatori ai luoghi d’arte, con una proposta variegata che coinvolge il pubblico di tutte le età e che va oltre i consueti orari museali. Un percorso creativo finalizzato al godimento, alla valorizzazione, alla riscoperta e alla percezione di un unicum di conoscenze interconnesse tra loro.

Un fine settimana molto ricco. Si parte venerdì 15 novembre a Villa Pignatelli con il grande Ascanio Celestini, che porterà in scena lo spettacolo “Il Piccolo Paese”. Sono racconti, microstorie che iniziano e finiscono in pochi minuti, una specie di concept album dove canzoni diverse raccontano un unico luogo. Qualcuna proviene dalla tradizione popolare, ma tutte hanno in comune l’improvvisazione. Ascanio Celestini recita senza copione e scaletta, con parole che diventano semplici come rotelle di un ingranaggio, come chiodi che tengono insieme dei pezzi di legno.

Seguirà, sabato 16 e domenica 17 novembre, “Guardate! Racconti Fotografici”, un percorso teatrale sull’arte e la fotografia tra i salotti ottocenteschi di Villa Pignatelli e le immagini della mostra “Wim Wenders Appunti di Viaggio. Armenia Giappone Germania”. In scena, per questo viaggio affascinante ideato da “Movimenti per la Fotografia”, Raffaele Ausiello, Giuseppe Cerrone, Antonello Cossia e Paolo Cresta. Musica dal vivo Riccardo Veno, drammaturgia e regia Raffaele Di Florio.

Sempre nel weekend, questa volta alla Villa Floridiana, si esibirà il gruppo teatrale I Teatrini in “Gli Alberi di Pinocchio”, spettacolo tratto da Carlo Collodi, per la regia di Giovanna Facciolo. In scena Monica Costigliola, Valentina Carbonara, Alessandro Esposito, Adele Amato de Serpis, Antonella Migliore.

Al Museo di Capodimonte, domenica, spazio ad una serie di visite guidate con performance artistiche finali. Si inizia a alla Sezione ’800 del Museo di Capodimonte con l’esibizione di Anima Dea, ovvero il duo voce e chitarra con Cristina Pucci e Luciano Saiano.

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »