Diamanti e mercato immobiliare: come investire nel “giardino di casa”

Nov 19 • EconomiaNessun commento su Diamanti e mercato immobiliare: come investire nel “giardino di casa”

Acquistare una casa o un terreno in Australia può trasformarsi in una fonte di guadagno diversa e redditizia.

Il settore immobiliare è sempre a rischio, soprattutto dopo il crollo del mercato, ma i più astuti sanno che ci sono dei luoghi in Australia Occidentale nei quali acquistare un terreno o un immobile vuol dire fare un investimento sicuro.
Uno di questi luoghi è la città di Perth, capitale dello Stato Australiano della Western Australia, zona molto ricca di minerali, diventata nel 1980 il simbolo dell’ossessione del guadagno veloce tipico di quel decennio.

All’epoca, infatti, un gruppo di imprenditori promosse un’immagine di Perth come di un luogo dove chiunque poteva diventare milionario, provocando un boom edilizio simile a quello di altre città australiane durante gli anni ‘90.
Da qualche anno Perth è diventato il centro più importante dell’Australia per l’esportazione di risorse minerarie verso la Cina.

Investire in questa città, quindi, significa inserirsi nel settore dei diamanti, senza spendere cifre improponibili e con la possibilità di ottenere profitti ingenti, ovviamente facendosi consigliare da agenzie specializzate.

Come in “The Acres of diamonds” di Russel H Conwell, potreste trovare i diamanti nel cortile di casa, sotto i vostri piedi.

Considerato come uno dei migliori discorsi motivazionali del mondo mai scritti, “The Acres of Diamonds” è molto rilevante per il corrente mercato immobiliare australiano occidentale.

Conwell ebbe l’ispirazione per il suo saggio nel 1869, durante un viaggio in Medio Oriente. Il lavoro nasce come discorso tenuto durante una riunione di suoi vecchi compagni del Quarantaseiesimo Reggimento del Massachusetts, con il quale ha servito nella guerra civile e del quale era il capitano. Successivamente è stato utilizzato in occasione della sua ufficializzazione come parroco della Grace Baptist Church di Philadelphia nel 1882, e solo 8 anni dopo pubblicato in forma di libro nel 1890 dalla John Y. Huber Company di Philadelphia.

L’idea centrale del lavoro è che non c’è bisogno di guardare altrove per trovare l’occasione della vita, la realizzazione personale, o un pizzico di fortuna, perché le risorse necessarie al raggiungimento dei nostri obiettivi sono presenti nella comunità nella quale viviamo.

Questo tema è stato sviluppato attraverso un aneddoto introduttivo, accreditato da Conwell ad una guida araba, che narra di un uomo disperatamente desideroso di trovare dei diamanti, al punto da vendere la sua proprietà per andare in cerca di un giacimento. L’uomo al quale vendette la casa, successivamente, scoprì la presenza di una ricca miniera di diamanti proprio lì, sulla  stessa proprietà.

Morale della favola? Invece di cercare la fortuna lontano, forse è meglio scavare nel proprio giardino.

Questo discorso è stato ripreso e studiato numerose volete da moltissimi storici e relatori americani, che hanno sfruttato il messaggio per dimostrare che chiunque può diventare ricco, anzi, che bisogna impegnarsi per diventarlo.

Conwell, per chiarire questo concetto, ha dichiarato:

Io sostengo che si dovrebbe diventare ricchi, ed è un vostro dovere diventare ricchi …Gli uomini che si arricchiscono sono gli uomini più onesti che si trovano nella comunità. Lasciatemelo dire con chiarezza… novantotto uomini ricchi su cento in America sono persone oneste. E questo è il motivo per cui sono ricchi. Questo è il motivo per cui sono affidabili. È per questo che portano avanti grandi imprese e trovano un sacco di persone disposte a lavorare con loro. È perché sono uomini onesti… Io sono solidale con i poveri, ma il numero dei poveri che meritano di essere compatiti è molto piccolo. Simpatizzare per un uomo che Dio ha punito per i suoi peccati è sbagliato…Ricordiamoci, non c’è un povero negli Stati Uniti che non lo sia diventato a causa dei suoi stessi difetti.

Il mercato immobiliare nelle aree dell’Australia Occidentale sta crescendo sempre più, in alcune città addirittura in misura maggiore rispetto a Sydney.

Infatti, anche se il prezzo medio di una casa a Sydney ha registrato un aumento del 16,4% rispetto allo scorso anno finanziario, i principali luoghi della Western Australia hanno ampiamente superato questo tasso di crescita stellare, città come Abbey (+ 23,4%) Alfred Cove (+ 23,3%), Mosman Park (+ 23,3%), Mt Barker (+ 22,6%), Golden Bay (+ 21,4%), Coolbinia (+ 20,4% ), East Cannington (+ 20,1%), Helena Valley (+ 19,5%), del Nord Fremantle (+ 19,1%) e Kenwick (18,3).

Nonostante questa crescita esponenziale, esistono ancora delle grandi opportunità d’investimento immobiliare in queste città, come nelle aree di Perth che includono Burswood e Maylands, dove gli investitori saggi stanno ottenendo grossi guadagni sulla base di acquisti recenti.

Purtroppo, troppe persone seguono i media, che li invitano a investire negli stati orientali invece di guardare da vicino le opportunità di investimenti immobiliari enormi che esistono nel loro “giardino di casa”. Sarebbe preferibile, invece, affidarsi ad agenzie di investimento autorevoli e competenti, capaci di fornire le giuste istruzioni e informazioni all’interessato.

Investire fuori dallo stato rappresenta un rischio, perché si perde la possibilità di visitare facilmente tutte le proprietà che si desidera acquistare e intraprendere delle attività di ricerca locali. Inoltre, i tassi di interesse molto bassi e i prezzi degli immobili accessibili e stabili rendono Perth molto appetibile per gli investitori, che possono rientrare molto velocemente dalla spesa sostenuta e avviare un’attività redditizia nel settore minerario e diamantifero.

Se state pensando di acquistare un investimento immobiliare nei prossimi mesi e siete alla ricerca di un’area che possa far crescere velocemente il capitale di partenza, l’Australia Occidentale fa proprio al caso vostro.

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »