Starbucks e il licenziamento “fast”

Set 2 • CuriositàNessun commento su Starbucks e il licenziamento “fast”

La catena di caffetterie Starbucks ha licenziato un dipendente per aver “rubato” un panino scaduto


Oltre che nel servizio, Starbucks è “fast” anche nell’interruzione del rapporto di lavoro. Infatti,  Coulson Loptmann, impiegato in una delle caffetteria che la catena possiede negli Stati Uniti, è stato licenziato per avere preso un panino scaduto precedentemente gettato nella spazzatura. L’azienda ha considerato il gesto un furto, spingendola a punire il ragazzo.

A sua discolpa il ragazzo ha addotto motivazioni economiche, legate alla paga considerata non sufficiente a consentirgli di pagarsi il pranzo. I 9,94 dollari all’ora pagati da Starbucks al ragazzo rappresentano uno standard nel settore del fast food, e non è certo Loptmann il primo a lamentarsene. Sono decine, infatti, le manifestazioni in tutto il Paese di persone che chiedono un aumento salariale.

L’azienda, però, ci ha tenuto a precisare che il furto del panino è solo una delle tante infrazioni commesse da Loptmann che hanno spinto a interrompere il rapporto di lavoro. Inoltre, il regolamento che tutti i dipendenti delle caffetterie della catena sottoscrivono, stabilisce che non posso ingerire prodotti che possano provocare malessere, come, ad esempio, un sandwich scaduto.

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »