Perché gli USA non adottano il sistema metrico decimale

Apr 15 • CuriositàNessun commento su Perché gli USA non adottano il sistema metrico decimale

Yard, Libbre e Once – Ecco le cause e le conseguenze di simili differenze

A tutti voi sarà di certo capitato di guardare una pellicola del cinema hollywoodiano e di restare perplessi ascoltando i protagonisti parlare di distanze, pesi e volumi: miglia, yard, libbre, once e tante altre unità di misura d’oltreoceano sono, per noi Europei (eccezion fatta per la Gran Bretagna), un qualcosa difficile da capire.

In uno dei più famosi film degli anni Novanta, Pulp Fiction, diretto da Quentin Tarantino, dove John Travolta e Samuel L. Jackson elencano le piccole differenze che esistono tra gli Stati Uniti d’America e l’Europa, eleggendo proprio il sistema metrico come una delle più particolari, tanto che verrà ripetuto anche in altre scene del film.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=X1ye_OcvEP4]

LEGGI ANCHE: Cosa contiene la misteriosa valigetta nera del Presidente Usa

Un problema serio…

Una piccola differenza però non è, anzi riesce a provocare molte difficoltà e ancor più fraintendimenti a livello internazionale, proprio come ricorda l’ex ministro del governo inglese, Lord Howe of Aberavon che, nel suo discorso per far applicare il Sistema Metrico Decimale nel Regno Unito, ha dichiarato:

Abbiamo litri per la benzina e le bevande gassate, ma pinte di birra e di latte. Abbiamo metri e chilometri per l’atletica e le carte geografiche, ma miglia per gallone per le automobili. Insegniamo il sistema metrico decimale a scuola, ma usiamo ancora le libbre e le once al mercato. Questa è una gran confusione. Fa aumentare i costi, confonde gli acquirenti, porta a incomprensioni, causa incidenti, complica l’educazione dei nostri figli e, senza mezzi termini, è per noi una vergogna.

Nonostante il Sistema metrico Decimale sia stato applicato al Regno Unito, infatti, tra la popolazione viene ancora usato quello tradizionale – chiamato Sistema Imperiale in Gran Bretagna e Sistema Consuetudinario negli USA – e ciò crea imbarazzati incidenti.

… e le sue conseguenze

Un esempio lampante è stato possibile riscontrarlo durante le olimpiadi di Londra del 2012, quando le diverse testate giornalistiche riportarono come distanza percorsa da ogni tedoforo prima del cambio, sia 300 metri che 300 yard, generando non poche perplessità tra il pubblico: se la distanza fosse stata di 300 yard, infatti, non sarebbero bastati gli 8000 atleti scelti per portare la fiaccola olimpica.

Tornando negli USA, il problema s’ingrandisce di molto: la NASA, infatti, per non aver apportato i giusti cambi di unità di misura da libbre-forza/secondo a newton/secondo ha perduta la sonda spaziale Mars Surveyor ’98, buttando letteralmente 500 milioni di dollari.

Un difficile cambiamento

A causa di tutte queste “complicazioni” il governo degli Stati Uniti ha avviato dal 1988 un processo di Metrificazione, che avrebbe dovuto portare all’utilizzo del Sistema Metrico Decimale. Il governo, dopo aver speso milioni, ha rinunciato al progetto e il cambio non è avvenuto, perché tutti i cittadini statunitensi continuano ad usare il Sistema Consuetudinario nella vita quotidiana, nonostante che nelle scuole sia insegnato anche quello Decimale: sembra proprio che siano profondamente legati all’utilizzo di questo sistema.

Gli Stati Uniti d’America, però non sono l’unico stato a rifiutare il Sistema Metrico Decimale: altri due stati che furono colonie britanniche continuano a rifiutare di cambiare sistema, e sono la Liberia e la Birmania.

LEGGI ANCHE: Le leggi più strane al mondo

Anche se la causa di questo legame al sistema consuetudinario sia da trovare nell’antica tradizione di un popolo legato al passato, che si sente così più caratterizzato rispetto agli altri, è un fatto che la differenza di unità di misura, definita piccola da John Travolta in Pulp Fiction, provoca problemi ed incomprensioni che possono portare anche ad una separazione culturale netta tra i popoli, cosa di cui davvero non se ne vede il bisogno, specialmente se si vive in un’era che valorizza i legami e le interconnessioni tra persone ai lati opposti del mondo.

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »