Pomigliano si attiva. Parte il progetto Heliopolis

Mar 2 • CulturaNessun commento su Pomigliano si attiva. Parte il progetto Heliopolis

Con l’approvazione dei Presidi delle scuole, il progetto darà inizio alla ricostruzione di Pomigliano D’Arco

Un evento che si può definire storico è quello svoltosi sabato 27 Febbraio 2015 presso l’accogliente struttura dell’ITI Eugenio Barsanti di Pomigliano d’Arco (NA), dove è stato siglato il primo protocollo d’intesa tra scuole italiane.

Questo documento prevede che gli istituti partecipanti si riuniscano per poter collaborare alla “Ricostruzione” della città di Pomigliano, operando nell’ambito economico-sociale e sopratutto in ambito scolastico.

Il progetto è chiamato Heliopolis – in ricordo dell’antica capitale egizia dedita al culto del sole – e coinvolge gli studenti dei principali istituti superiori della cittadinanza – Iti Barsanti, Liceo Matilde Serao, Liceo S.Cantone e Liceo Imbriani – per poter avviare un piano di formazione dei giovani, che saranno in grado di operare sulle piattaforme messe a disposizione dall’ing. Oliviero Tahir, ideatore del progetto e amministratore delegato della T2communication.

LEGGI ANCHE: Il Progetto Martina nelle scuole per informare i più giovani sui tumori 

Progetto Helipolis

progetto heliopolis

In sostanza il progetto Heliopolis ha lo scopo di creare una sorta di negozio e-commerce, un centro commerciale virtuale che riunirà tutte le attività commerciali presenti sul territorio, affiancato da una rete di 30 blog che si occuperanno di gestire le varie campagne di marketing dei negozi stessi, e di creare traffico nella rete allo scopo di fidelizzare la clientela.

Ogni istituto avrà a disposizione 7 blog, gestiti direttamente dai ragazzi che verranno formati tramite dei corsi specifici in scrittura giornalistica, informatica avanzata, marketing e commercio, e in seguito affiancati da tutor specializzati, per poter affrontare al meglio il mondo del lavoro, come dei professionisti di settore preparati.

Tutto questo allo scopo di ricostruire il tessuto socio-economico della cittadinanza, creando delle figure professionali in grado di gestire non solo una rete di comunicazione ma anche un’attività commerciale con idee sempre nuove.

Ciò sarà in grado di rianimare il commercio della cittadinanza e di attirare anche investimenti esterni, per poter ridurre il tasso di povertà e, soprattutto, di ridurre il numero di studenti che abbandonano la scuola, avviando questi ultimi nel mondo del lavoro.

Risollevare la cittadinanza

progetto heliopolis

Un progetto molto ambizioso ma possibile e realizzabile, come ha dichiarato l’ing. Tahir durante la firma del protocollo alla presenza del preside del Barsanti Prof. Mario Ponsiglione, la preside del Matilde Serao Marianna Esposito, la preside del liceo Cantone Mariarosaria Esposito e la prof. Nunzia Castiello del Liceo Imbriani.

La firma di tale protocollo quindi è un momento significativo non solo per la cittadina di Pomigliano D’Arco, ma anche per tutte le realtà italiane che vivono un periodo di forte crisi, incentivato anche dai fenomeni della corruzione e del nepotismo, come ha dichiarato in loco il presidente dell’associazione anticamorra, Roberto Ruocco, forte sostenitore del progetto Heliopolis.

Presente anche l’assessore al commercio, Vincenzo D’Onofrio che ha ribadito come il progetto possa far risollevare la cittadina e possa creare una sinergia tra il mondo della scuola e del lavoro, che devono collaborare per creare un futuro migliore.

LEGGI ANCHE: “Nun Stutat’ ‘o Ffuoco”, artisti partenopei in mostra a Napoli 

È sui ragazzi, infatti, che il progetto si basa, e sono proprio loro ad incentivarlo e a stimolarlo, come ad esempio Pietro Caccia studente dell’ITI Barsanti, che ha ribadito con forza che Heliopolis è un’occasione unica per i giovani che hanno la necessità di sentirsi presenti all’interno della comunità, e di «sentire che la loro voce è ancora presente, ed è forte».

Photo Credit: Daniele De Carlo

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »