Il tuttologo napoletano

Feb 19 • AttualitàNessun commento su Il tuttologo napoletano

Da qualche tempo a Napoli non si riesce ad effettuare una adunanza del consiglio comunale: segno evidente di una crisi strisciante che caratterizza i rapporti tra quello che è restato dei partiti e dei movimenti, a suo tempo rappresentati, su indicazione dei cittadini, all’interno dell’assise comunale.

Nell’arco della consiliatura, la città ha assistito ad un cambio continuo di casacche, e di incarichi. Spesso, in questi anni, sono volati stracci e contumelie, segni evidenti di difficoltà di rapporto e della crisi della politica.

Sovente il sindaco ha assunto, spesso per necessità, o per brevi interregni, le deleghe ritirate o dimissionate. Mai, però, si era arrivati al punto in cui ci si trova, al momento, nella rappresentanza comunale. Più di 20 sono le deleghe, o i servizi che fanno capo a De Magistris, con una evidente incapacità, non fosse altro per motivi di tempo, a seguirle tutte.

I settori interessati, spesso, sono strategici per la vita di una comunità, tra l’altro così complessa come è quella napoletana. Soprattutto non si capisce come possa un uomo solo pensare di avere competenze su tutto quello che riguarda la vita amministrativa, senza un minimo dubbio.

Come è possibile non capire che è opportuno delegare quanto più è possibile, onde garantirsi disponibilità di tempo e competenze opportune, per risolvere qualche problema della comunità? Forse il sindaco ha difficoltà a trovare persone disposte a collaborare con lui, in questo scorcio di consiliatura? O, invece, ci troviamo di fronte ad un ego spropositato e a scarsa fiducia negli altri?

Certo non si può immaginare di avere tante competenze e tanto tempo a disposizione. Sarebbe opportuno, sia pure per il poco tempo che rimane, anche per l’ordinaria amministrazione, farsi affiancare da persone competenti, affidabili, e che amano la città,

Si troverebbe anche il tempo per portare a soluzione qualche problema serio della città, per allargare l’orizzonte dei propri spazi, in occasione della prossima e vicina campagna elettorale, e per costruire con attenzione, a tempo debito, una squadra da proporre alla città, e su cui chiedere un voto di rinnovata fiducia per la guida della città.

Dare l’impressione di capire tutto, di essere un tuttologo, è un cattivo messaggio che si invia alla cittadinanza e, forse, poco produttivo dal punto di vista dell’immagine.

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »