Home Attualità Terra Dei Fuochi. Consiglio dei Ministri approva decreto legge

Terra Dei Fuochi. Consiglio dei Ministri approva decreto legge

1337
0
Terra dei fuochi Decreto Legge

[highlight]Dopo anni di silenzio, finalmente il governo affronta il problema, introducendo il reato di combustione dei rifiuti[/highlight]


Il Consiglio dei Ministri svoltosi questa mattina a Palazzo Chigi ha varato un decreto legge contenente disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali. Con questo provvedimento, finalmente il governo italiano si interessa della Terra dei Fuochi.

Ad annunciarlo su twitter il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali, Nunzia De Girolamo:

 

che continua sottolineando come il

 

Con il decreto legge sulla Terra dei Fuochi viene introdotto nell’ordinamento italiano il reato di combustione dei rifiuti. Entusiasmo da parte del premier Enrico Letta, che ha dichiarato:

[quote]Oggi per la prima volta le istituzioni nazionali affrontano l’emergenza Terra dei fuochi[/quote]

Dettagli aggiuntivi vengono forniti, sempre via twitter, dal Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, che sul noto social network ha scritto che con il «Decreto #Terradeifuochi lo Stato ha iniziato il cammino per riconquistare la fiducia dei cittadini di quei territori», informando che all’interno del provvedimento è «previsto che l’autorità giudiziaria informi direttamente gli amministratori locali sugli sversamenti illegali», e che una parte «riguarda la classificazione suoli per sapere se sono coltivabili o meno sulla base di parametri certi».

Ma il tweet probabilmente più significativo, che sottolinea le colpe delle istituzioni negli ultimi vent’anni, è il seguente:

 

Ovviamente il problema è ancora lontano dall’essere risolto, visto che il degrado ambientale è strettamente collegato alla malavita organizzata, ma è comunque un inizio.

Bisogna ringraziare le migliaia di persone che in questi ultimi mesi si sono battuti per portare all’attenzione di tutti i cittadini i problemi di quella parte d’Italia che per troppo tempo è stata dimenticata.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here