Strage in Irpinia: Pullman precipita in un viadotto sull’A16

Lug 29 • AttualitàNessun commento su Strage in Irpinia: Pullman precipita in un viadotto sull’A16

Un week end di relax si è trasformato in tragica strage in Irpinia


Cento metri contro il guardrail, un volo di 30 metri nel viadotto e poi lo schianto: questo l’incidente sull’autostrada A16 a Monteforte Irpino. Ci sarebbero almeno 39 vittime e 10 feriti, molti dei quali in condizioni gravi, ma il bilancio è destinato ad aggravarsi.

Il pullman è giunto in velocità nei pressi di un rallentamento di traffico, nonostante fosse segnalato sia dai pannelli a messaggio variabile che dal personale sul posto, e tamponava una serie di autovetture, finendo poi fuori strada in corrispondenza del viadotto Acqualonga

Questa la ricostruzione di Autostrade per l’Italia. I Vigili del fuoco stanno lavorando da tutta la notte per estrarre le vittime e i superstiti dalle lamiere contorte dell’autobus, ormai ridotto a rottame. Le operazioni di soccorso non sono ancora concluse: all’appello, dice il comandante dei Vigili del fuoco di Avellino, Alessio Barbarulo, manca una persona: «La stiamo cercando, se è sotto le lamiere del bus cercheremo di trovarla il prima possibile, ma speriamo che qualcuno ci dica che non era sull’autobus».

Sotto il viadotto dell’autostrada, lungo la provinciale che porta a Taurano, sono state allineate 39 bare, accanto a vestiti e lenzuoli insanguinati, bagagli ed effetti personali delle vittime, nonché pezzi di sedili dell’autobus.

La palestra della scuola media di Monteforte Irpino è stata trasformata in camera ardente, per accogliere i corpi delle vittime, e qui sono già arrivati diversi familiari e amici a dare l’ultimo saluto ai propri cari, con segni di pianto e disperazione sui volti.

Al momento del riconoscimento dei cari, alla vista di corpi completamente straziati, in molti tra i parenti delle vittime stanno avendo dei malori. Urla strazianti si ascoltano sia nella camera ardente sia all’uscita.

Uno di loro racconta:

Erano amici che andavano in gita spesso, si conoscevano quasi tutti Avevano deciso di trascorrere un fine settimana a Telese Terme e poi un giorno a Pietrelcina. Ad organizzare era sempre la stessa persona, Luciano Caiazzo, salumiere di Pozzuoli

Sul pullman viaggiavano anche dei bambini: in tre, due maschi e una femminuccia, sono ricoverati all’ospedale Santobono di Napoli, e due di loro sono in gravi condizioni. Uno dei due ragazzi è in rianimazione, l’altro è ricoverato in chirurgia d’urgenza, mentre la piccola è nel reparto di neurochirurgia, dove stanotte è stata sottoposta a un intervento.

 

Mia nipote mi ha raccontato che è scoppiata la gomma sinistra dell’autobus. L’autista ha cercato di tenere il controllo in tutti i modi ma non c’è riuscito e il bus è sbandato finendo giù nel dirupo

Questo il racconto di una delle superstiti, Annalisa, all’incontro all’ospedale di Avellino con suo zio Vincenzo Rusciano. Annalisa è la mamma di due bimbi ricoverati al Santobono, mentre suo marito è stato trasportato al Cardarelli.

«Le ho parlato solo pochi minuti Aveva il volto tumefatto e non riusciva a parlare bene», ha invece riferito lo zio Vincenzo.

Quattro i superstiti nella famiglia Rusciano, ma anche altri quattro parenti hanno perso la vita nell’incidente dell’autostrada in Irpinia: sono infatti morte due sorelle di Vincenzo e due sue cognate.

Il bilancio dei morti e dei feriti non è però ancora definitivo, e solo nelle prossime ore si potrà avere un quadro più chiaro. Come non è assolutamente possibile, allo stato attuale, stabilire le cause dell’incidente, che dovranno essere chiarite dall’inchiesta della Procura di Avellino.


Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »