Ministro Cancellieri sotto accusa per un fuorionda

Lug 2 • AttualitàNessun commento su Ministro Cancellieri sotto accusa per un fuorionda

Una gaffe del Ministro Cancellieri aumenta le tensioni tra governo e avvocati


Ogni volta che in Italia si prova a cambiare qualcosa c’è sempre qualcuno che ha da ridire. Questo il senso delle parole pronunciate dal Ministro della Giustizia ed ex Ministro dell’Interno, Annamaria Cancellieri. Intervistata sulla riforma della giustizia, infatti, il Ministro ha esternato le difficoltà incontrate nelle ultime ore, sottolineando anche la necessità di compiere una scelta politica per passare, finalmente, dalle parole ai fatti. Non ha perso occasione, inoltre, di criticare gli avvocati che “impediscono che il paese diventi normale”.
Riforma della giustizia e separazione delle carriere sono argomenti spinosi e difficili da affrontare, soprattutto per un governo come quello presieduto dal Premier Enrico Letta, al centro della bufera scatenata dalle vicende processuali di Silvio Berlusconi.
Intervenuta sulle voci di dissapori nell’esecutivo in tema di giustizia durante un convegno tenuto a Napoli, il Guardasigilli è stata contestata da alcuni avvocati presenti in aula. In un fuori onda trasmesso da SkyTg24, si vede il Ministro alzarsi e dire al relatore che in quel momento aveva preso la parola, e di conseguenza avente il microfono acceso, “Li vado ad incontrare così me li levo dai piedi”. Parole, queste, che hanno fatto infuriare l’Ordine degli Avvocati, subito pronti a pretendere le scuse e le dimissioni dell’ex prefetto. “Le parole del ministro Cancellieri sono gravissime. Rappresentano una mancanza di rispetto ed esprimono una concezione antidemocratica”, questo il commento di Francesco Caia, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Napoli.

Ancora una volta, purtroppo, l’argomento conquista le prime pagine dei giornali attraverso gaffe o dichiarazioni sensazionalistiche, e non per una discussione seria e serena su un tema che riguarda tutti. 


Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »