Giuseppe La Rosa 53/ma vittima

Giu 12 • AttualitàCommenti disabilitati su Giuseppe La Rosa 53/ma vittima

Aeroporto di Ciampino - Rientro in Italia della salma del Capitano Giuseppe La RosaMuore il soldato Giuseppe La Rosa. Un prezzo troppo alto da pagare

Un fulmine a ciel sereno, una Nazione “strozzata” da un’imponente crisi economia e con il peso di scadenze da rispettare, improvvisamente viene catapultata in un’altra realtà. Era il giorno 8 giugno 2013 quando dall’Afghanistan arriva la tragica notizia della morte di un ragazzo a Farah.

Giuseppe La Rosa era in missione di pace, eppure ha perso la vita a causa di un attentato che ha visto anche altri feriti, mentre lui, purtroppo, non ce l’ha fatta; il 10 giugno 2013 la salma del capitano torna in patria, ad attenderlo sono i familiari e le istituzioni. Una storia drammatica che sveglia l’Italia ancora una volta, riaprendo un dibattito, passato in secondo ordine, per dar spazio ad altre incombenze.

Alle volte torna a far capolino il ricordo dei tanti giovani impegnati in missioni all’estero e inevitabilmente riaffiorano i volti delle tante vittime di guerra. La diatriba tra i partiti come sempre è incalzate ed anche sul problema delle missioni all’estero nascono le polemiche, non sono tardati i commenti di chi dinnanzi all’ennesima vittima ha additato il sistema in quanto proiettato a spendere fondi per missioni estere, anziché rivolgerli a sanare i problemi interni del Paese.

Quanto vale economicamente per lo Stato Italiano la vita di questi militari? Per la nostra Nazione, dunque, è un problema prettamente economico, dove i poveri militari, seppur liberi di scegliere, sembrano avere il ruolo di marionette, che patriotticamente sventolano alta la bandiera italiana all’estero, per dimostrare al mondo, che la loro patria è sensibile ai problemi sociali.

Eppure però questi uomini per Paesi come l’Afghanistan, che versano in condizioni tragiche, rappresentano un valido sostegno, che va ben al di là della banale economia o della patriottica bandiera e al loro rientro in patria, come, purtroppo, nel caso di Giuseppe La Rosa, a piangerli e a ricordarli per sempre saranno solo i familiari.

Giuseppe La Rosa non era affatto una marionetta, ma solo un ragazzo che in una missione di pace ha pagato un prezzo troppo alto.

Licenza Creative Commons

Related Posts

Comments are closed.

« »