La geografia (e la retorica) di Expo 2015

Mag 4 • AttualitàNessun commento su La geografia (e la retorica) di Expo 2015

Gli Stati Uniti a due passi dalla Russia e dall’Iran, il Vaticano vicino ad Israele… I padiglioni e la bella facciata di Expo 2015.

“Qui nessun parallelo divide Corea del Sud e Corea del Nord”. Queste le parole di Paolo Bonolis alla festa d’inaugurazione di Expo 2015 tenuta a Piazza Duomo giovedì 30 aprile. Un’idea di unione e solidarietà tra i paesi interessante quanto vana e superficiale.

L’Expo di Milano non è tutta una festa, non è solo l’Albero della Vita o il tema legato al cibo e i propositi positivi di combattere la fame nel mondo con un evento che – secondo stime attendibili – costerà oltre 14 miliardi di euro. Ma ormai è fatta. Il 1 maggio è arrivato e, molto più del concerto di Roma, ha fatto parlare di sé soprattutto per l’inaugurazione dell’esposizione universale.

145 paesi uniti dal tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita” e da tanta, ma tanta retorica. Perché i buoni propositi dell’Expo – nonostante le parole di Renzi e la volontà di portare a termine quella che è stata definita una “grande scommessa” – sono già stati sepolti sotto le tonnellate di cemento ancora fresco dei lavori ancora in corso, sotto le manifestazioni del movimento #NoExpo, sotto le proposte di “lavoro” che hanno indignato molti giovani e non solo.

Perché Expo non unirà l’Italia, e poco importa se la festa di Piazza Duomo a Milano si sia conclusa con “‘O sole mio”: da domani, ma già da ieri, i Terroni continueranno a mangiare la pizza, i Polentoni riprenderanno a mangiare la polenta. Ad unire davvero il nostro paese non ci è riuscito Verdi con musica e teatro e non ci riuscirà neanche l’Expo col cibo.

E tanto meno l’evento più atteso dell’anno riuscirà ad unire il mondo e a sopire le tensioni che intercorrono tra un paese e l’altro. Nonostante il “planisfero” dell’Expo avvicini paesi storicamente rivali o, ancor più suggestivo, attualmente in contrasto tra loro. I padiglioni presenti a Milano per i prossimi sei mesi non sono i paesi che rappresentano: Stati Uniti, Russia e Giappone – per una volta – si trovano tutti ad est, ma di un micromondo, apparente e provvisorio; il Vaticano (che per il suo padiglione ha speso circa 3 milioni di euro) è separato da Israele solo dalla Francia; gli Stati Uniti, ancora loro, sono davvero a pochi passi dall’Iran; e il piccolo spazio riservato alla Grecia riesce a convivere ad una manciata di metri con quello ben più ampio riservato alla Germania, senza tensioni, senza rancore.

expo

L’Italia, dal canto suo, è il centro del mondo, la patria del cibo e il perno su cui ruota tutto l’evento. Ma rassegniamoci, tra poco meno di sei mesi tutto tornerà come prima e ci accorgeremo di cosa è successo in questo periodo di tempo. Nulla: la pace e la fame nel mondo torneranno ad essere promesse ed utopie da mettere in bocca alle miss durante i concorsi, gli Stati Uniti torneranno ad ovest, la Russia resterà dov’è, a Milano continueranno a cantare “Oh mia bella Madunina” e, ahimé, Piazza Italia tornerà ad essere solo un negozio d’abbigliamento.

Licenza Creative Commons

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »